Wi Fi Mobile

FIRMO

Centro delle comunità d'etnia albanese della Calabria, che mantiene lingua, rito religioso, cultura, usi e costumi degli antenati. Nata dagli esuli delle terre albanesi che dal XV secolo dovettero abbandonare a causa delle persecuzioni turche, ancora oggi è consapevole di appartenere ad un popolo con una precisa identità. Ne fanno fede modelli culturali che si rispecchiano ancora nei valori dell'arbëresh attuale, quali la mikpritia (ospitalità), la ndera (onore), la besa (fedeltà) e la vellamja (fratellanza).

Da visitare, l'antico Convento dei Domenicani, punto di riferimento storico della nascita del paese; la Chiesa di Santa Maria Assunta in Cielo, costruita nel XVII secolo, che presenta una torre campanaria a pianta quadrata, munita di cella ottagonale cuspidata; la Cappella della Madonna di Aprile, in cui in rilevanza significativa assumono le funzioni religiose che si svolgono in rito greco-bizantino e la Chiesa di San Giovanni Crisostomo, a Piano dello Schiavo.

In occasione della Festa di San Giuseppe è consuetudine, la sera della vigilia, eregere enormi cataste di fascine in ogni rione e accese al rintocco della campana della chiesa principale. La prima domenica di maggio, invece, si festeggia Sant'Atanasio, patrono del paese. Si svolgono manifestazioni del folclore albanese con la partecipazione di gruppi provenienti dagli altri centri albanesi d'Italia e d'Albania, in costume tradizionale. 

 

Redazione


Regione CalabriaRegione Calabria

2015

ATTRAVERSANDO NATURA

Operazione cofinanziata dalla Regione Calabria nell'ambito del POR Calabria FESR 2007/2013
PISL - Progetti Integrati di Sviluppo Locale - Linea di Intervento 5.1.1.1
Realizzato da Rubrik Srl

Torna su