Wi Fi Mobile

CIVITA

 

Posta nella Riserva Naturale Gole del Raganello, nel cuore del Parco Nazionale del Pollino, Civita fa parte delle storiche comunità albanesi d'Italia (arbëreshët). Nota anche come “il paese tra le rocce”, per via delle cime che circondano la sua vallata, o "il paese del Ponte del Diavolo", per via del suo antico e caratteristico ponte medievale in pietra, Civita vanta un paesaggio tra i più caratteristici della Calabria. La comunità custodisce ancora l'identità, la lingua, i costumi, i riti religiosi e le antiche tradizioni del popolo albanese.

Annoverata tra "I Borghi più belli d'Italia", oltre che Bandiera Arancione, Civita conserva una struttura urbanistica fatta di viuzze e slarghi, che è specchio dell’organizzazione sociale: rappresenta infatti la porzione più piccola del tessuto urbano, costituita da una piazzetta nella quale confluiscono i vicoli, circondata da edifici, dove ci si riunisce a conversare e ricamare. La gjitonia è dunque una pratica sociale. Caratteristici di Civita sono i comignoli e le “case parlanti”: gli uni, vere e proprie opere d’arte realizzate tra la fine del Seicento e l'inizio del Novecento con dimensioni imponenti e forme svariate, sono quasi un "totem" identitario della famiglia; le altre, abitazioni dall’aspetto antropomorfo, "case di Kodra" o "parlanti", sono un omaggio al pittore albanese naturalizzato italiano Ibrahim Kodra. Si tratta di case molto piccole, con finestrelle, canna fumaria e comignolo, la cui facciata richiama il volto umano.

Tra le bellezze naturali da visitare, oltre ai già citati Ponte del DiavoloGole del Raganello, la Timpa del Demanio, la "Fagosa" e le vette del massiccio del Pollino. Tra i luoghi d'arte e cultura, il Museo Etnico Arbëreshë, che raccoglie testimonianze dell’etnia albanese legate alla tradizione religiosa bizantina e al mondo contadino; il Museo della Filanda, strumento azionato dall’acqua del fiume Raganello e l'Ecomuseo del Paesaggio della Valle del Raganello, ospitato nell’antico Palazzo Castellano, sede dei primi signori di Civita.

I periodi consigliati per visitare Civita e gli altri centri albanesi sono quelli in concomitanza dei riti religiosi della Settimana Santa arbëreshë (Java e Madhee delle rievocazioni storiche, in occasione dei quali è possibile ammirare il costume tradizionale albanese di Civita: simbolo della coscienza etnica collettiva, realizzato in ricchi tessuti di raso e sete naturali dai colori vivaci, ricamati e laminati in oro, guarniti di galloni e merletti.

 

Redazione


Regione CalabriaRegione Calabria

2015

ATTRAVERSANDO NATURA

Operazione cofinanziata dalla Regione Calabria nell'ambito del POR Calabria FESR 2007/2013
PISL - Progetti Integrati di Sviluppo Locale - Linea di Intervento 5.1.1.1
Realizzato da Rubrik Srl

Torna su