Wi Fi Mobile

ALTOMONTE

 

Altomonte (CS), riconosciuto tra i "Borghi più belli d'Italia", si sviluppa su un promontorio panoramico a circa 455 metri sul livello del mare, con un territorio parzialmente pianeggiante, reso molto fertile dalla presenza dei fiumi Esaro, Grondi e Fiumicello. 

Clima e posizione contribuiscono a rendere la zona particolarmente adatta alla coltivazione di grano, legumi, agrumi e frutteti, in particolare vigneti autoctoni, che producono i tipici vini Balbini, decantati da Plinio il Vecchio. 

Il nome antico della cittadina era Brahall, poi evolutosi in Bragalla, Antifluvius e, a partire dal 1343, Altomonte, per volontà della regina Giovanna II di Napoli. Il feudo di Altomonte fu dapprima proprietà della potente famiglia Sangineto, per poi passare al casato dei Sanseverino. I

l borgo custodisce tracce di una lunga storia: tra gli edifici del centro storico risalenti al periodo angioino si segnalano la Chiesa di S. Maria della Consolazione, costruita intorno alla fine del XIV secolo e restaurata nel XVII secolo (al suo interno è collocato il sepolcro del feudatario Filippo Sangineto), e l'adiacente Convento, in cui trovò rifugio Tommaso Campanella prima di essere arrestato. Degno di nota il Castello dei Conti.

 

Redazione


Regione CalabriaRegione Calabria

2015

ATTRAVERSANDO NATURA

Operazione cofinanziata dalla Regione Calabria nell'ambito del POR Calabria FESR 2007/2013
PISL - Progetti Integrati di Sviluppo Locale - Linea di Intervento 5.1.1.1
Realizzato da Rubrik Srl

Torna su